Ordine fuori e ordine dentro - Capitolo 2

Ordine fuori e ordine dentro.

Il Feng Shui, come l’abitazione determina chi siamo. 




Riscoprire la saggezza degli antichi. Dare ordine alle cose.

Viviamo un momento storico interessante. La tecnologia ci sta regalando molte conquiste e in certi casi anche problemi. Basti pensare ai dubbi su cosa faremo di mestiere quando le nuove intelligenze artificiali riusciranno a sostituire ogni mansione.
Personalmente penso che i benefici siano più dei difetti, la qualità della vita è migliorata, possiamo lavorare da ogni parte del mondo con il nostro pc o addirittura con lo smartphone. Abbiamo più tempo.
E forse è per questo che negli ultimi anni ci si sta avvicinando sempre di più alle antiche discipline spirituali delle tradizioni millenarie.
Vogliamo mangiare meglio, compriamo il biologico, vogliamo curare meglio la natura e il nostro corpo.
Le scuole di Yoga e Meditazione aprono da tutte le parti e persone di tutte le età si approcciano a questo mondo affascinante.
Per queste ragioni penso che anche l’abitazione verrà interessata a questo grosso salto di livello che stiamo compiendo.
Oramai anche la fisica ci dice che le energie sono un realtà, le neuroscienze riscoprono i benefici delle tecniche di meditazione tramandate dai monaci delle scuole di ogni religione e non mancherà molto che la scienza confermerà che l’ambiente influisce in modo significativo sulla nostra energia e quindi sulla nostra mente, sul nostro corpo e più in generale sulla qualità della nostra vita.
Nello studio del feng shui è interessante notare come molte “regole” coincidano con le conclusioni raggiunte dalle nuove scuole sulle tecniche di arredo e perfino con studi psicologici sulla nostra reazione fisiologica a un ambiente.
Questa breve introduzione era di dovere per cominciare con questo articolo un po’ più approfondito sull’argomento.






Che cos’è il feng shui? cito…

“Antica arte geomantica cinese che insegna ad organizzare lo spazio abitativo in modo armonico e benefico per la salute fisica e mentale”.



Questa armonia viene stabilita in base a delle regole ben precise atte ad orientare meglio l’ambiente rispetto alla stessa energia che attraversa ogni cosa, il mondo, i nostri corpi. Sto parlando del Chi.
Il Chi è il “respiro” , conosciuto anche come Prana.
L’energia che anima ogni cosa.
Il Chi secondo la tradizione si manifesta in diverse forme o “vibrazioni” che sono associate agli elementi, infatti l’elemento è ciò che più manifesta le caratteristiche di quella data energia e per tanto ci serve anche per iniziare a familiarizzare, per iniziare a percepirlo nella nostra abitazione.
Gli elementi nell’ordine classico sono:  Legno, Fuoco, Terra, Metallo, Acqua. Ognuno corrisponde a un colore fondamentale, a una stagione, un ora del giorno, un organo del corpo e a determinate emozioni.

Feng shui - Ordine fuori e ordine dentro

In che modo una casa disordinata ci danneggia

Il Chi in ognuna delle sue 5 forme scorre sulla superficie del pianeta, ogni corrente è intrecciata con le altre 4. Per farci un idea immaginiamo le onde che si formano sulla superficie dell’acqua quando vi gettatiamo un sasso, possiamo vedere sia le onde del sasso che quelle naturali della corrente ed eventuali altre increspature date dalle sponde ecc. Vedremo che si sovrappongono ed esistono nello stesso punto simultaneamente. Così avviene per il Chi. L’acqua è sempre la stessa, le correnti sono differenti.

Le 5 correnti del Chi attraversano e pervadono ogni ambiente ed ogni cosa, la influenzano ma al contempo ne sono influenzate. Parliamo di una vera e propria Interdipendenza.

Così ogni pila di scatole lasciata in un angolo, ogni mucchio di stoviglie da lavare, quel po’ di
polvere nascosto sotto un armadio, quel mucchio di vestiti da lavare dimenticato lì, ognuna di queste cose influenza la qualità del Chi nella nostra abitazione.

Ci voleva il feng shui per sapere che il disordine è spiacevole e influisce sull’umore?

Sarebbe una domanda legittima! Il feng shui però non si limita a dire questo. Il feng shui ci dice che queste alterazioni nell’energia della nostra casa oltre a influenzare il nostro umore hanno un impatto anche sul nostro corpo, sui nostri pensieri, sulle persone che frequentiamo, sulle persone che frequentano la nostra casa, sul nostro lavoro, sulla nostra fortuna o sfortuna nelle relazioni, sul benessere economico o sull’assenza di esso. 
Il Chi deve poter scorrere armoniosamente. Non esiste un Chi buono e uno cattivo. Se inizialmente possiamo distinguere chiaramente un Chi positivo (un germoglio in un vaso sulla finestra) da uno negativo (il compost dimenticato nel sacchetto in cucina) dobbiamo comprendere che questi sono solo i contrapposti della vita, le forze necessarie per il mantenimento di tutte le cose. Tuttavia il compost dimenticato avrà una brutta influenza su di noi perché l’energia della decomposizione si propagherà all’interno dell’abitazione.


Mettere in ordine la casa è un atto di profonda pulizia interiore.

Personalmente sono diventato un fan del minimalismo. Per anni ho accumulato beni su beni ma alla fine prendevano il sopravvento. Avere una casa in ordine era impossibile, gli oggetti riempivano ogni spazio, l’energia ristagnava dappertutto e così anche la mia vita.

Buttare via è il primo passo per purificare il nostro Chi

No, bruciare tutto è la soluzione più rapida ma non la più adatta!
Non mi fraintendete. Non sto suggerendo di buttare via ogni cosa. Le cose utili, le cose a cui tenete, i ricordi preziosi, tenere queste cose è sacrosanto. 
Ma ci siamo mai cimentati ad osservare le cose che abbiamo e a chiederci veramente se tale oggetto ha un senso di essere li? E’ molto facile riempire cantine e solai di robe inutili, oppure nelle dispense. Queste cose stipate influenzeranno comunque il nostro Chi negativamente.

Una volta che ci saremo sbarazzati del superfluo potremo passare all’ordine.

L’ordine permette al Chi di scorrere fluido, donerà freschezza al nostro ambiente, ci sentiremo più sereni e ci sembrerà che la nostra vita sia più leggera.
Proviamo a immaginare questa scena:
Torniamo a casa dopo una giornata ultra impegnativa al lavoro, magari c’era pure traffico sul percorso. Entriamo in casa e ciò che troviamo è un locale pieno di oggetti sparsi ovunque, scatole da una parte, libri ammucchiati in giro, carte e documenti su ogni superficie, polvere sui mobili e sui lampadari. Arriviamo in cucina e ci sono ancora i piatti sporchi, il tavolo è pieno di cose sopra. Vogliamo farci una doccia ma il bagno è pieno di vestiti da lavare e non troviamo un asciugamano pulito.

Feng shui - Ordine fuori e ordine dentro

Focalizziamoci un momento sulle emozioni che questa immagine ha scaturito.

Ora immaginiamo invece di tornare a casa dopo una giornata impegnativa, c’era traffico e siamo esausti. Appena entriamo e accendiamo la luce troviamo un ambiente luminoso, l’aria profumata di una fragranza gradevole, l’ingresso è sgombro e possiamo agevolmente riporre la giacca nell’armadio. Ci leviamo le scarpe e le nostre pantofole sono li pronte a servirci con tutta la loro gentilezza. La cucina è pulita, tutte le stoviglie che ci servono ben riposte al loro posto, il tavolo libero con un bel centrino e magari con dei fiori sopra. Andiamo in bagno e troviamo un locale pulito, ordinato e l’asciugamano è pronto sullo scalda salviette.
Che emozioni abbiamo provato ora?



Le regole di base per cominciare a cambiare la nostra abitazione

Ora però è il momento di fare buon uso di questa antica saggezza: passiamo alla pratica. 

Primo passo:

Rendiamoci conto della situazione in casa nostra. Se anche abbiamo un locale già ben ordinato non è detto che non possa essere migliorato!
Non serve essere nella situazione estrema degli esempi sopra citati per decidere a migliorare il feng shui della propria abitazione. Ho esagerato di proposito
per rendere più semplice capire come l’ambiente influenzi negativamente  il nostro Chi. Il feng shui è un miglioramento costante che tende alla perfezione.
 

Secondo passo:

Liberiamoci del superfluo. Buttiamo via ciò che non ci occorre o vendiamolo se ancora in buone condizioni!
 
Affrontiamo quel cassetto dove per anni abbiamo messo le cose che non sapevamo dove mettere. Apriamo quell’anta dell’armadio che ignoriamo ogni volta 
fingendo che non esista. Armiamoci di coraggio e sacchi neri e affrontiamo la cantina, il solaio o il garage.
 

Terzo passo:

Diamo un posto ad ogni cosa. Cosa ci fa quella forchetta in camera da letto? Scherzi a parte. Decidiamo dove vogliamo riporre le cose, scegliamo uno spazio adatto,

i libri non stanno bene impilati sul divano. Gli asciugamani stipati insieme ai maglioni? Stabiliamo una volta per tutte dove abiterà quell’oggetto e lui ce ne sarà grato!

Ultimo passo:

Godiamoci la nostra nuova Casa! E soprattutto cerchiamo di mantenerla così!
Se ci saremo liberati del superfluo e avremo deciso con cura dove collocare ogni cosa allora non ci resterà difficile. Ora però assaporiamo l’ordine ritrovato. Sentiamo come è più
ossigenata l’aria, sembra perfino che la casa sia più grande! Ci accorgeremo che pulire richiede meno tempo, dormiremo meglio e avremo più voglia ed energia per portare
avanti i nostri progetti e le nostre passioni. Non escludo che qualcuno potrebbe dirci che sembriamo ringiovaniti!

 Feng shui - Ordine fuori e ordine dentro

 

 

Riccardo Rosignoli – Feng Shui Consultant

Per chi volesse approfondire questo interessante discorso, potete ricevere ulteriori informazioni contattandomi alla seguente mail:

riccardorosignoli@gmail.com

Potrete richiedere informazioni ed avere un programma adatto per le vostre esigenze.


Iscriviti alla nostra Newsletter. È semplice, gratis, e rimarrai connesso con il mondo della meditazione e della pace interiore. Riceverai ogni giorno un pensiero su cui riflettere, e questo ti aiuterà a ricordarti quanto sia importante lavorare su te stesso.

La meditazione inizia da qui.




Ordine fuori e ordine dentro - Capitolo 2 ultima modifica: 2018-03-17T16:22:13+00:00 da Webmaster